L’area didattica sui telai e la tessitura vi svelerà tutti i segreti dei vari sistemi utilizzati in epoca romana per tessere le trame dei tessuti.
In quest’area troverete una vasta gamma di diversi tipi di telai, tutti perfettamente funzionanti, e troverete le nostre archeo-sarte pronte a spiegarvi il funzionamento dei vari telai e a invitarvi a provare a tessere voi stessi un pezzettino di trama, intrecciando i vari fili e poi “pettinandoli” con i vari pettini in legno. Inoltre troverete tutti i vari utensili usati anche per filare la lana.
Quante volte nella vita vi capiterà ancora di tessere a un telaio?  Non potete perdervi questa occasione.

Un passaggio della lavorazione del tessuto al telaio

Il momento di spazzolare il tessuto con il pettine in legno

Un vero peso da telaio che custodiano in base a una convenzione con il Mibact

TANTE…TRAME, senza…CONGIURE!

Il tessuto è un prodotto dell’opera dell’uomo, a superficie piana, creato dall’intreccio di filamenti che possono essere di natura davvero molto diversa.
Si crea questo prodigio facendo attraversare i fili verticali, stesi verticalmente e tenuti in posizione da vari pesi, da un filo che li intreccia orizzontalmente.
I fili verticali sono l’ “ordito”, mentre il filo orizzontale si chiama “trama”.
E’ la trama a creare tutti gli incredibili disegni che possono comparire con questa operazione di intreccio.

Pensate che la parte più lunga non è poi quella di tessere, l’azione di tessitura vera e propria creata dall’ago della trama che intreccia l’ordito, bensì dalla preparazione generale del telaio; che presuppone si abbia già bene in mente il risultato che si vuole ottenere.

Ci vogliono ore per posizionare tutti i fili verticali dell’ordito legandoli a dei pesi che li mantengono in tensione.

I pesi potevano essere di vario tipo, peso e forma, noi ne esponiamo uno autentico che custodiamo a scopo didattico ed espositivo grazie a una convenzione con il MiBACT (prot.1019 del 14/10/2010).

TANTI TIPI DI TELAIO

I Romani utilizzavano svariati tipi di telai, alcuni simili per funzionamento, altri decisamente diversi.
Il concetto è ovviamente sempre quello di intrecciare il tessuto, creando la trama, ma vi
sorprenderete di quanta
differenza ci può essere, nel portare avanti questo lavoro, tra un telaio e l’altro.

RITA ANNIBALDI

RITA ANNIBALDI

SARTA

Rita si occupa da decenni di sartoria a vari livelli.
Da anni cura l’area didattica del telaio e della tessitura, di cui è esperta.

Quest’area viene realizzata in collaborazione con la bravissima Alessandra Venditti, dell’Associazione Mos Maiorum.

 

VOLETE OSPITARE QUEST'AREA DIDATTICA?

Oltre che nel nostro museo a cielo aperto esponiamo quest’area didattica presso
MUSEI • SITI ARCHEOLOGICI • SCUOLE • UNIVERSITA’

PRENOTA